Analisi visiva del mondo moderno

C'è vita nell'universo: pianeti simili alla Terra

Da centinaia di anni l'umanità è alla ricerca di nuova vita su altri pianeti. Nel XX secolo il mondo ha fatto enormi scoperte nello spazio, ampliando le conoscenze. Tuttavia, sappiamo così poco dei pianeti vicini e lontani che la maggior parte delle scoperte ci attende.

La Terra è il pianeta più bello del sistema solare e ospita la vita. Il nostro corpo celeste è abitato da animali, uccelli, insetti, oceani, mari e un ricco mondo di flora. Parliamo di altri pianeti dell'universo che sono simili alla Terra.

Esopianeti: cosa sono, tipologie

L'esplorazione spaziale non si limita alla conoscenza del sistema solare, di cui sono stati scoperti solo otto pianeti, ma gli astronomi di tutto il mondo mirano a scoprire altri corpi celesti raggruppati intorno ad altre sfere gassose nell'universo.

Scoprire un pianeta lontano è una sfida, perché un corpo celeste di questo tipo non è luminoso e difficile da individuare. Un esopianeta è definito come un pianeta al di fuori del sistema solare. Alla fine del 2018, con l'aiuto dei moderni mezzi tecnici, l'uomo ha scoperto

  • 2935 sistemi stellari;
  • 3934 esopianeti.

Più di mille altri corpi celesti sono candidati all'inclusione nell'elenco e si sta lavorando per trovare corpi le cui condizioni superficiali siano vicine alla Terra:

  • regime di temperatura;
  • dimensioni;
  • Massa.

L'interesse per i corpi simili alla Terra è grande perché potrebbero essere la futura casa dei terrestri. Ogni nuovo pianeta simile alla Terra scoperto viene esaminato. Finora non è stato trovato nessun pianeta che presenti condizioni adatte alla vita.

I sistemi stellari sono comuni nell'Universo, di cui il Sistema Solare è un esempio. Non si sa quale sia il processo di origine dei corpi celesti, ma quello che si sa con certezza oggi è che il centro dei sistemi è la stella attorno alla quale orbitano i pianeti.

Sistema solare

Gli scienziati ritengono che il sistema solare si sia formato 4,5 miliardi di anni fa dalla contrazione di una nube di gas e polveri

L'astrofisico americano David Sudarsky ha creato un sistema di classificazione degli esopianeti in base al loro aspetto, che ha permesso di dividere chiaramente in due gruppi i corpi celesti scoperti, nonostante le conoscenze minime su di essi:

  • di tipo terrestre (con un corpo solido);
  • tipo di gas.

In particolare, gli astrofisici stimano che nella galassia della Via Lattea ci siano 100 miliardi di pianeti di cui l'umanità non è a conoscenza. Resta da vedere se siano adatti alla vita.

Rilevamento di esopianeti

Gli astronomi di tutto il mondo hanno cercato di trovare pianeti simili alla Terra osservando le posizioni delle nostre stelle più vicine, con i primi tentativi che risalgono al 1855. Il primo pianeta extrasolare simile al nostro è stato scoperto nel 1988 da scienziati canadesi vicino alla doppia sfera gassosa Gemma Cephea A. La scoperta è stata riconosciuta dalla comunità astronomica nel 2002.

Esopianeti

Un enorme telescopio in Cile per osservare gli esopianeti

Un anno dopo è stata trovata una nana bruna, la cui scoperta è stata riconosciuta nel 2002.

Leggi anche:  Истинное чудо природы: самый большой водопад в мире

Individuare galassie e stelle non è difficile, ma non è così per gli oggetti planetari, che non essendo luminosi e brillanti e trovandosi a centinaia di anni luce di distanza dalla Terra, rimangono sconosciuti. Ci sono sei modi per scoprire un esopianeta:

  1. osservazione diretta attraverso i telescopi;
  2. astronomico;
  3. monitoraggio radio delle pulsar;
  4. calcolo spettrometrico della velocità radiale di una stella;
  5. metodo di transito;
  6. microlensing (un'altra stella viene usata come lente).

Il metodo più popolare ed efficace è quello del transito, che prevede l'osservazione dei pianeti mentre attraversano il disco della loro stella.

Gli esopianeti hanno nomi simili a quelli delle loro stelle, con lettere assegnate separatamente, che li distinguono gli uni dagli altri.

I primi pianeti simili alla Terra esplorati

Non tutti gli oggetti celesti scoperti assomigliano alla Terra: nel prossimo decennio verranno scoperti migliaia di pianeti lontani, e forse se ne troverà uno in cui le condizioni di vita sono il più possibile simili a quelle qui.

Diamo un'occhiata all'elenco dei pianeti più simili alla Terra.

Kepler-62 f

Il telescopio Kepler, da cui prende il nome, ha individuato un pianeta in orbita attorno alla sfera gassosa Kepler 62, appartenente alla costellazione della Lira.

  • Data di apertura: 2013;
  • stella: nana arancione Kepler 62;
  • metodo di rilevamento: transito.

I pianeti Kepler 62 e e Kepler 62 b si trovano insieme al corpo numerato f.

Kepler-62f

Confronto delle dimensioni tra la Terra e gli esopianeti Kepler 62e e Kepler 62f

Kepler-62 f è 40% più grande della Terra. È nato 7,5 miliardi di anni fa. In confronto, il nostro mondo ha 4,5 miliardi di anni. L'inclinazione dell'asse è stabile e il regime di temperatura è simile a quello terrestre. Gli astrofisici suggeriscono la presenza di vita sulla superficie.

Gliese 581 g

Una nana rossa della costellazione della Bilancia ha un pianeta satellite a 20 anni luce di distanza, simile alla Terra.

  • Data di apertura: 29.09.2010
  • stella: nana rossa Gliese 581;
  • metodo di rilevamento: calcolo spettrometrico della velocità stellare.
Gliese 581 g

Rappresentazione artistica dell'esopianeta Gliese 581 g

Si è originato 7-11 miliardi di anni fa. Poiché la scoperta è stata preceduta da calcoli, gli astronomi dell'European Southern Observatory hanno nuovamente controllato i dati dello spettrografo e hanno messo in dubbio l'esistenza di Gliese 581 g.

Se un pianeta esiste, è grande due volte la Terra, con una temperatura media compresa tra -10 e -30°C. È rivolto verso una nana rossa da un lato.

Kepler 62 e

Questo corpo celeste è stato trovato vicino alla stessa nana arancione descritta sopra, che fa parte della costellazione della Lira, e si stima abbia 7 miliardi di anni.

  • Data di apertura: 2013;
  • stella: nana arancione Kepler 62;
  • metodo di rilevamento: transito.
Kepler 62 e

Confronto tra i pianeti terrestri del sistema solare e del sistema Keplero 62

Gli astronomi suggeriscono la presenza di vita e l'esistenza di un vasto oceano, non diverso da quello terrestre. La distanza dalla Terra è di 1200 anni luce, una grandezza (1,5 volte il diametro terrestre) che suggerisce la presenza di un'atmosfera. La distanza del pianeta dalla stella è simile alla posizione della Terra rispetto al Sole.

Leggi anche:  Le criptovalute più costose, promettenti e popolari di tutto il mondo

Temperatura media stimata di +15°C. La sfida per gli astrofisici del futuro è quella di calcolare l'atmosfera di Kepler 62 e. Gli astronomi ritengono che il pianeta abbia vita almeno a livello di organismi unicellulari. Questo esopianeta, che assomiglia di più alla Terra.

Gliese 667 cc

Distante 22,7 anni luce, Gliese 667 si trova nella costellazione dello Scorpione.

  • Data di apertura: 29.11.2011;
  • stella: tripla Gliese 667 (due nane arancioni con una nana rossa);
  • metodo di rilevamento: calcolo spettrometrico della velocità stellare.
Gliese 667 cc

Gliese 667 cc nella visione dell'artista

Orbita intorno al trio stellare in 28-29 giorni terrestri. Ha una massa 3,5-4 volte superiore a quella della Terra. Il laboratorio dell'Università di Porto Rico ha concluso che la temperatura media è di +27°C, condizioni simili alle nostre. L'esopianeta è rivolto verso Gliese 667 da un lato. C'è motivo di credere che sul pianeta esista la vita.

Kepler 22 b

Kepler 22 si trova nella costellazione del Cigno. Il telescopio Kepler della NASA lo ha trovato per primo, quindi si è deciso di dare il suo nome al pianeta. La conferma della sua esistenza è stata fatta eliminando le falsità.

  • Data di apertura: 05.12.2011
  • stella: stella singola di classe spettrale G;
  • metodo di rilevamento: transito.
Kepler 22 b

Confronto di Kepler 22b con i pianeti terrestri del sistema solare

Kepler 22b è un pianeta simile alla Terra, distante 620 anni luce, che orbita intorno alla stella in 290 giorni terrestri, senza dimensioni o struttura note.

Questi sono gli esopianeti di tipo terrestre più conosciuti. Parlate delle nuove scoperte e scoprite quanti pianeti di tipo terrestre esistono.

Nuovi esopianeti

Ogni anno gli astronomi trovano nell'universo pianeti simili alla Terra. Esiste il termine "zona abitabile", che si riferisce alla regione di spazio compresa tra un pianeta e una stella all'interno della quale può esistere una qualsiasi forma di vita.

Tutti i pianeti sopra descritti appartengono a un'unica classe chiamata Super-Terra. Questi esopianeti hanno una massa superiore alla nostra, ma sono molto più piccoli dei giganti gassosi. La dimensione massima è di 10 masse terrestri. Il parametro della massa non è stato scelto a caso, ma è legato alla capacità del pianeta di contenere un'atmosfera.

L'astrofisico M. Hippke ha usato l'esempio di Kepler 22b per spiegare l'incapacità di altre forme di vita di lasciare un pianeta del genere a causa della sua grande massa: la sua gravità è superiore a quella terrestre e richiede centinaia di tonnellate di carburante per spedire piccoli oggetti nello spazio.

Proxima Centauri b è il nostro esopianeta più vicino

La nana rossa Proxima Centauri è la stella più vicina al Sole. Proxima b è stata scoperta nel 2016, a 4,22 anni luce di distanza dal nostro pianeta. Gli astrofisici sono interessati ai corpi celesti vicini perché sono più facili da studiare.

Il pianeta Proxima b ha una massa 1,27 volte quella della Terra e compie un'orbita completa in 11 giorni. Si ipotizza che il pianeta Proxima b abbia un raggio 10% maggiore di quello terrestre. Non si può escludere l'esistenza di organismi viventi sulla sua superficie. Tuttavia, il suo fondo di radiazione è elevato.

Proxima Centauri b

Gli scoppi su Proxima Centauri, giovane e aggressivo, nel 2017 hanno probabilmente distrutto definitivamente l'atmosfera del pianeta

Colonizzazione di esopianeti vicini: tempi e ostacoli

La scoperta di altri pianeti nello spazio ha permesso agli astronomi di parlare dell'esistenza di vita extraterrestre e di proporre teorie sulla formazione dei pianeti.

Leggi anche:  Dalla nascita alla morte

Attualmente gli scienziati stanno decidendo quale pianeta scegliere per la colonizzazione. I principali ostacoli all'intraprendere viaggi nello spazio:

  • una grande distanza;
  • condizioni sconosciute e presenza di atmosfera (fondo di radiazioni, mancanza di acqua, temperature alte e basse);
  • calcoli complessi (un volo della sonda richiederebbe un calcolo accurato del percorso orbitale, facendolo coincidere con la rotazione orbitale dell'esopianeta e tenendo conto del tempo di avvicinamento).
Marte

Gli scienziati parlano sempre più spesso di esplorazione di Marte

Analizzando questi dati, è chiaro che dobbiamo iniziare dal pianeta più vicino alla Terra e per questo si parla sempre più spesso di colonizzare Marte.

Piani per il prossimo futuro

La colonizzazione dello spazio è ancora un settore della fantascienza. La scoperta di pianeti simili al nostro non dà luogo a una missione interplanetaria nel prossimo futuro. L'obiettivo immediato dell'umanità è stabilire una base permanente su Marte per studiare il pianeta stesso e i suoi satelliti. Il volo verso il pianeta rosso durerà 70-80 giorni. Le condizioni sono simili a quelle della Terra, quindi i tentativi di inviare una missione saranno fatti nel prossimo decennio.

Guardando i video dallo spazio, le foto scattate dagli astronauti, le navicelle spaziali, ci si rende conto di quanto sia grande questo mondo: esistono pianeti simili al nostro e si troveranno organismi viventi.

Condividi
Inviare
Fresco
Popolare

Lascia un commento

l'indirizzo non sarà pubblicato

Adblock
rivelatore